Ogni intrapresa umana, purché buona, tende all’arte.
Sia essa visiva, poetica, musicale, essa ci dona una lettura ALTRA della vita.

I tumulti, i massacri, gli scandali, i contorcimenti della storia
e della quotidianità, che perdureranno nel futuro, non cesseranno
certo grazie alle arti, da sempre interroganti la bellezza.
Ma ogni artista, se autentico, è poeta ossia creatore, che coltiva in sé
il compito di non cedere al naufragio dell’umanità.

La poesia non serve a consolare ma, gratuita e necessaria,
resiste ad agguerrire la nostra coscienza della bellezza
di essere al mondo, a saper reggere il volo dell’anima,
a restituirci il vortice del nostro mistero interiore ormai troppo coperto
dal rumore dei tempi.
E, quando questo si attenua, note e parole fanno riaffiorare
le voci profonde che credevamo perdute.

Musica e poesia ci propiziano il viaggio che ci accomuna
in un’unica carovana umana ove l’esistenza di ognuno s’innesta
in quelle degli altri, di tutti, per riumanizzarci nel comune dolore.

Ci fanno attingere alle fonti della vita che si conferma
sovrana assoluta delle menti e delle passioni umane.

Fabio Ciceroni

 

I CONCERTI

 

JSN Metro template designed by JoomlaShine.com

Su questo sito usiamo i cookies per migliorare la tua navigazione. Cliccando su un qualsiasi link su questa pagina darai il consenso all'utilizzo dei cookies.